19 febbraio 2015

Perchè tutti odiano le beauty blogger

Arraffone, ignoranti, nullafacenti, perditempo, scroccone, bugiarde, vendute... questi sono solo alcuni dei simpaticissimi appellativi dedicati alle beauty blogger.

Questo post nasce da una polemica sorta ieri sulla pagina fb di Lidl Italia che ha annunciato una collaborazione con delle beauty blogger comunicandolo in un post pubblico... non figuro tra le fortunate blogger selezionate, ci mancherebbe, ad ogni modo mi ha colpito molto la discussione che è nata sotto quel post (che trovate qui), in questo articolo voglio riportarvi alcuni dei commenti più pungenti dedicati proprio a noi BB.

Riporto da copia e incolla:

"C'è in giro più Beauty Blogger che idraulici...ecco perché le cose non possono funzionare..."
"Beauty blogger? Ce la meritiamo una terza guerra mondiale."
"A me i Blogger mi hanno rotto! E campioni trucco, prodotti alimentari viaggi soggiorni Aho tutta gente che si autoimplementa le visite solo per questo, poi specialmente ql dei viaggi non parlano di niente BASTA! TI AFFIDI AI BLOGGER PER PROMUOVERTI? E IO NON TI COMPRO"
"(...)chi si fida delle Beauty Blogger?"
"le beauty blogger hanno rotto le scatole.. passano la giornata a truccarsi e farsi selfie e nel frattempo si sono fatte un sacco di soldi alla faccia nostra! "
"definizione di beauty blogger: very useless people!" (gente inutile, trad.)
"(...)Che ne sanno le blogger che non hanno nemmeno il tempo di fare la spesa alla Lidl e poi si trovano a ricevere prodotti piovuti dal cielo che usano solo loro o regalano ad amici e parenti facendo giusto una recensione positiva per tenere buona l'azienda."
"le beauty blogger saranno sincere? O lascieranno un commento positivo perché rischiano di non ricevere più i pacchetti regalo?!"

Il quadro che ne emerge è chiaro: le beauty blogger sono il male!

odio le beauty blogger


Purtroppo questo è solo un esempio di discussione a cui faccio riferimento solo perchè è la più recente ma sul web contro di noi se ne leggono davvero di tutti i colori, ma da dove nasce quest'odio e perchè? Proviamo ad analizzare la situazione.


Le blogger sono perditempo e nullafacenti.

Le beauty blogger, anzi le blogger in generale, sono viste come persone che non hanno nulla da fare dalla mattina alla sera, come donne che passano la giornata a truccarsi e farsi selfie e poi nient'altro.

le beauty blogger sono inutili

Oltre alla discussione, anche io in prima persona ho ricevuto commenti del genere, anche detti in faccia da qualche conoscente che mi ha chiesto senza troppi giri di parole chi me lo facesse fare di scrivere tutti i giorni sul blog, secondo questa persona infatti, scrivevo troppo e sprecavo energie per niente. Una lettrice invece, non troppo affezionata, sotto ad un mio articolo 10 idee nail art per..., un tipo di post che scrivo in occasione del cambio di stagione o di festività in arrivo, mi ha chiesto come facessi a passare tutto il giorno a cambiarmi lo smalto... già perchè secondo lei non faccio altro!

Oltre al fatto che ognuno passa il proprio tempo libero come meglio crede, tant'è che c'è gente che lo spende guardando porno, il grande fratello, o a fare le corna al proprio partner e comunque sono liberissimi di farlo, non capisco del perchè uno non possa impiegare del tempo durante la giornata per scrivere su un blog!

Se ho un blog non significa che non faccio altro nella vita.

Universitarie, mamme, lavoratrici part time o full time... donne che hanno una vita, ecco chi sono le blogger. Una giornata è fatta di 24 ore, un post lo si può scrivere anche in 30 minuti, curare un blog tutti i giorni non significa non fare altro, volete che ci mettiamo una telecamera in spalla che ci riprenda tutto il dì per dimostrarvi che vi sbagliate? Sì lo so, qualcuna vorrebbe davvero una dimostrazione del genere! Ad ogni modo la nostra vita sul web non è tutta la nostra vita, al massimo una piccolissima parte.

E' vero, tra le blogger ci sono anche chi non studia, non lavora, non gestisce una casa... disoccupazione giovanile al 40% raggiunta nel 2013, dati Istat recenti, questo dato non vi dice nulla? Meglio una disoccupata che si crea un interesse e cerca di emergere con un blog piuttosto che una ragazza che avvilita dalla situazione italiana, se ne resta su un divano tutto il giorno demoralizzandosi perchè non riesce a cambiare la propria vita. Già perchè un blog è anche un modo per mettersi in gioco e se ci metti impegno ed energie, magari nel tempo riesci a racimolare anche qualche soldino, non è questo forse un modo intelligente per reinventarsi e darsi da fare? Si può scrivere per sola passione o farlo per raggiungere un obbiettivo, avere un'aspirazione, chessò diventare una influencer, farsi conoscere come truccatrice ed acquisire clienti... le strade da intraprendere possono essere davvero tante e sarebbe sbagliato non provarci.

Le blogger sono ignoranti.

Una delle critiche maggiori mosse verso le blogger è che queste siano particolarmente ignoranti, che non sappiano scrivere e che quindi, non essendo impeccabili da un punto di vista grammaticale o sintattico, debbano astenersi dal produrre post o pseudo articoli virtuali.

Non siamo aspiranti premi Nobel per la letteratura.

Chi apre un blog lo fa per passione, per hobby e talvolta scrive nel poco tempo libero che ha a disposizione, quando si scrive lo si fa per rilassarsi e di certo non si ha voglia di avere un vocabolario dei sinonimi e dei contrari sottomano o di consultare ogni due per tre l'accademia della crusca per scrivere un vocabolo con i giusti accenti. Insomma, non stiamo scrivendo per Repubblica o una pagina di un libro che sarà distribuito in mezzo mondo, siamo nel nostro angolo, magari scriviamo con le pantofole al piede, con una copertina sulle gambe, i capelli legati e una tisana accanto al mouse!

Che sia importante, sul blog come nella vita reale, esprimersi al meglio e scrivere correttamente è fuori da ogni dubbio ma i lettori dovrebbero anche prenderla più easy e lasciare qualche licenza poetica senza star lì a bacchettare un accento sbagliato, un apostrofo o un trapassato non proprio azzeccato! Talvolta non si pretende così tanto neanche da giornalisti pluripremiati che pure ne fanno di strafalcioni!

Ovviamente se le aspirazioni della blogger sono importanti e puntano in alto sarà la blogger stessa a volersi migliorare sempre di più e  con il tempo imparerà a presentarsi al meglio, ad ogni modo le critiche in questa direzione comunque non aiutano, chi vuol imparare lo fa da solo, studia, legge, non necessita di gente che si comporta da correttore ortografico improvvisato.

Le blogger sono arraffone e scroccone.

Quando sei una blogger con un discreto pubblico, non serve infatti avere migliaia di follower o un contatore che segni milioni di pagine viste, capita di essere contattate da aziende e uffici stampa per provare prodotti nuovi, talvolta anche intere linee, con la speranza, da parte del marchio, che la blogger ne parli così da far conoscere il prodotto nuovo o più o meno conosciuto, risparmiando quindi investimenti in termini di pubblicità.

Un campioncino costa decisamente meno rispetto ad una campagna adwords et similia.

Ricevere prodotti fa piacere a tutte, ma oltre alle blogger che vengono contattate ci sono anche quelle che spammano le caselle di posta elettronica di qualsiasi azienda, cosmetica e non, promettendo una recensione in cambio di una bustina di shampoo o di un panno per i vetri.

Presentarsi ad un'azienda e chiedere di provare dei campioni non è certo un comportamento deplorevole, farlo con insistenza e 'ndo coglio coglio dai cosmetici al sapone per i piatti, solo per avere qualche free sample, sì! Questo genere di blogger personalmente le classifico come tester e ne ho già parlato abbastanza in post dedicati, ad ogni modo dall'esterno queste due categorie distinte vengono viste come un'unica cosa, così noi BiBi ci becchiamo tutte le critiche indirizzate invece alle tester... e nun me piace, s'adda cagnà!

In definitiva quindi le beauty blogger per un'azienda cosmetica non sono il male, bensì un importante strumento di marketing a basso costo... spesso conviene più all'azienda che alla blogger questo tipo di collaborazione, qui vi spiego il perchè (per approfondire): 5 buoni motivi per non chiedere collaborazioni per il tuo blog.

Le blogger sono bugiarde e vendute

Critica che si collega immediatamente al punto precedente: ricevere prodotti, secondo il lettore, fa sì che la blogger sia automaticamente falsa nella recensione di quel prodotto, tessendone le lodi e nascondendo o negando eventuali aspetti negativi.

Ahimè purtroppo questo aspetto è difficilmente negabile.

Trovare un post di collaborazione di una beauty blogger che sia sincero è come trovare un politico onesto.

Difficile, sì ma non impossibile.

Anche le più credibili, quelle che sbandierano verità, lealtà e sincerità ai quattro venti, ebbene sì, anche tra loro c'è chi cede... cede ad una recensione positiva, fin troppo, per la paura di perdere una collaborazione con un'azienda importante.

Nabla e Neve sono alcune delle aziende cosmetiche più ambite tra le blogger che aspirano a diventare influencer... insomma quando una di queste aziende ti contatta ti senti un po' diversa, ti senti di avercela fatta, di aver sbaragliato le altre, di essere tra quelle in cima... non negate, lo so che ve la menate, si capisce da lontano, da quei "aaaaww attendo il corriere per la collaborazione con nabla/neve!!!!", essere riuscita ad ottenere l'attenzione da una casa cosmetica di questo tipo e giocarsela con una recensione negativa costa fatica, lo immagino, però non è meglio perdere questo tipo di collaborazione piuttosto che la fiducia nel lettore?

E' quello che sta succedendo, nessuno si fida più delle beauty blogger perchè per tenersi strette le collaborazioni fanno solo recensioni positive! Quante recensioni sulle nuove uscite di questi prodotti sono negative? L'1 per cento? Però voglio mettere l'accento su una cosa importante, non tutte sono così, c'è chi se ne frega, forse pentendosene subito dopo, ma scrive quello che pensa: pregi e difetti di un prodotto ricevuto gratis, a costo di giocarsi la possibilità di ricevere prodotti ambiti, perchè fortunatamente per alcune l'onestà è ancora la cosa più importante.


La blogger Follettarosa

E' arrivato il momento di parlare di me, del mio modo di essere beauty blogger... chi mi legge lo sa, il blog per me è una passione enorme, scrivo da 10 anni, se lo avessi fatto per lavoro ora sarei ricca, ma non è mai stato così e per me non è un problema.

Non sono una nullafacente, non sono un'ignorante, commetto sicuramente errori ma chi non li fa, non siamo tutte uguali, siamo persone e ognuna è fatta a suo modo.
Non sono una scroccona, non sono una bugiarda e mi fa male, davvero male leggere che c'è gente che fa di tutta un'erba un fascio.

Sono una donna che ha studiato prima, durante e dopo il blog, che lavora part time, che ha un marito, una casa a cui badare, una vita! Non sono una che sta tutto il giorno a mettersi lo smalto o a farsi selfie e non capisco come gli altri possano pensare questo di chi ha scelto come hobby scrivere recensioni o parlare di tendenze make up e beauty.

Se credo che questa passione sia inutile? No! Se c'è chi arriva qui tutti i giorni in cerca di un consiglio, di un'opinione, di scoprire qualche novità... che siano in 20, in 200 o in 2000, significa che quello che scrivo a qualcuno interessa e interessante e inutile non sono sinonimi!

Non sono un'arraffona, non passo il tempo a mandare email per elemosinare prodotti aggratisse, e non sono una bugiarda, ogni tanto mi contatta qualche ufficio stampa e quando mi arriva qualcosa voglio dire la mia a qualunque costo e se i prodotti non arriveranno più pazienza, posso continuare a comprarmeli come faccio sempre: ad oggi solo 53 recensioni su ben 326 articoli pubblicati derivano da prodotti ricevuti in omaggio e tra queste di commenti negativi ne trovate eccome!

Io non sono l'unica così, di blogger serie ce ne sono altre, di ragazze che ci mettono passione, impegno, tanta cura dietro ogni singolo post, dietro ogni singola foto che scattano per il proprio spazio virtuale anche senza guadagnarci niente, eh già, perchè salvo il caso Clio, di famose e ricche non se ne vedono, non ce ne sono, le più fortunate riescono a guadagnarci giusto i soldi che spendono per comprare altri cosmetici, nulla di più.
Generalizzare è sbagliato, sempre, tenetelo a mente la prossima volta che leggerete una di noi.

Leggi anche: L'importanza dei commenti di qualità per un blog
3 cose che non dovresti fare sul tuo blog di make up


follow me

pulsante facebook  google plus  twitter  pinterest  bloglovin  instagram

29 commenti:

  1. Concordo con ogni singola parola che hai scritto. E' assurdo catalogare una "categoria" senza valutare il singolo. E' vero, alcune potranno anche aprire un blog per scopi "poco ortodossi", ma non significa che siamo tutte arraffone, nullafacenti e bugiarde, anzi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il commento, credo che dobbiamo far sentire la nostra voce, ce ne dicono di tutti i colori ed è ora di difenderci!

      Elimina
  2. La Blogger folletta rosa somiglia moltissimo alla mia idea di essere Blogger, è da tempo immemore che la penso al tuo stesso modo e cerco di essere coerente col mio pensiero quando scrivo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Angela, bisogna sempre avere il coraggio di dire quello che si pensa.

      Elimina
  3. hai ragione però secondo me questa discussione è nata in particolar modo perchè ricevono i pacchi sempre le solite youtuber infatti chi riceverà il pacco saranno loro...comunque le altre persone ci vedono tutte così perchè ci sono alcune che i blog li aprono solo per ricevere le cose gratis e non per passione di scrivere come te o per chi ama il make up come me e vuole condividere le cose con gli altri, questo è solo un esempio generale ma ci sono tante altre che lo fanno con passione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero nella lista selezionata da Lidl ho visto anche blogger non molto conosciute, mi spiace soprattutto che le critiche siano state dedicate più che altro a loro, non le seguo tutte ma non credo che si meritino parole tanto dure, tra loro qualche onesta ci sarà di sicuro e sentirsi dare dell'ignorante, o dell'inutile è esagerato.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ciao Sabrina, concordo con tutto quello che hai scritto! Io sono una blogger per passione, non ho mai preteso cose gratis da recensire da nessuno perchè non è una cosa che mi piace fare. Ho sempre comprato tutto ciò che ho recensito negli anni e ho dato pareri positivi o negativi che fossero... Purtroppo però la maggior parte della gente fa di tutta l'erba un fascio e, si sa, la cattiveria sul web è troppo facile... Inoltre la maggior parte delle persone non capisce cosa vuol dire scrivere un post o girare un video, non si immaginano quanto lavoro possa esserci dietro. Io non mi permetterei mai di offendere così qualcuno, piuttosto ignoro e passo oltre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai messo in luce un'altra cosa importante, il lavoro che c'è dietro un post... per le foto, per le parole giuste da scrivere, per la struttura del post, per la condivisione sui social... ogni singola azione di questo tipo porta via tempo. E' vero offendere è sempre facile soprattutto quando ci si nasconde dietro un pc, per questo ho voluto scrivere questo articolo, per dar voce anche a noi che siamo diverse, per far capire che c'è gente che ci mette tanta passione e non crea un blog solo per ricevere prodottini... come ho detto non ci trovo nulla di male a chiedere di tanto in tanto qualche campioncino, ma che si porti avanti un blog scrivendo solo di prodotti ricevuti gratis, grazie allo stalking alle aziende, lo trovo esagerato.

      Elimina
  6. Post interessante. Devo fare solo un piccolo appunto, noto davvero tanta ignoranza in alcuni blog. È vero, non dobbiamo scrivere trattati di fisica ma tenere viva la lingua italiana per me è fondamentale. Soprattutto perché le principali lettrici sono giovani, alcune vanno ancora a scuola. Sul resto del post concordo pienamente con te.
    :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lingua italiana deve essere rispettata e su questo sono pienamente d'accordo come ho scritto anche nel post ma certi errori credo possano essere tollerati... accenti, apostrofi... a volte anche chiari errori di battitura vengono fatti notare e mi pare poco elegante. Poi ripeto, quando si legge un blog bisognerebbe essere consapevoli di entrare in uno spazio intimo, quasi privato, gestito da persone di qualsiasi tipo, dalla ragazza che va alle superiori alla mamma e lavoratrice che scrive con un occhio aperto e l'altro mezzo chiuso giusto per portare avanti la sua passione, così come non si corregge una persona con cui si sta parlando, altrettanto rispetto bisognerebbe mostrare nei confronti di chi scrive qualcosa e non lo fa per professione. Ognuno ha la sua opinione, ci mancherebbe, ma personalmente i maetrini non li sopporto, correggere lo trovo detestabile tanto quanto sbagliare il verbo essere o avere.

      Elimina
  7. concordo in pieno con tutto quello che hai detto, è sempre sbagliato generalizzare; purtroppo però capita anche che le persone cambino e che le collaborazioni gli diano alla testa e all'improvviso tutto diventa perfetto e rivoluzionario e meraviglioso. Però secondo me sta all'intelligenza di ogni lettore, rendersi conto di che tipo di persona c'è dietro un determinato articolo. E concordo con te anche per quel che rguarda il discorso dell'italiano, nessuna di noi, e sono io la prima, vuole dover ricontrollare più volte il post appena scritto, ma bisognerebbe almeno avere un minimo di rispetto per la nostra madrelingua. Il congiuntivo ce lo insegnano alle scuole medie - e sottolineo alle medie - non all'università, perché è la base della nostra lingua, se una persona - che sia blogger o giornalista famoso - me lo sbaglia sempre, per me è un'ignorante. Poi gli errori capitano a tutti, è naturale, siamo persone e non macchine perfette. Sarebbe strano il contrario.
    La maggior parte dei lettori, secondo me non si rendono conto di quanto lavoro c'è dietro a un post, perché fin quando non ci sei dentro hai solo una vaga idea. E' vero il post si può scrivere in mezz'ora, anzi a volte 5 minuti sono più che sufficienti, ma, e parlo per me, fare una nail art, scattare le foto, editare le foto ecc, è questo quello che mi occupa la maggior parte del tempo. E' tutto quello che viene prima del post.
    E hai fatto bene a dire quello che significa per te essere una blogger. Perché io sono in una sistuazione simile. E non sopporto che i miei conoscenti mi dicano che scrivere un blog è una cosa stupida. Ho due bimbi piccoli, lavoro poche ore a settimana, perché purtroppo, anche se conosco e parlo correttamente quattro lingue non riesco a trovare un lavoro decente (e per decente intendo full time o a tempo indeterminato) e il blog è sia una passione, ma anche un modo per non impazzire tra lavatrici e piatti sporchi. E qui la finisco. Scusa lo sproloquio, ma leggere i commenti sotto al post della lidl mi ha fatto davvero innervosire. Ti auguro una splendida giornata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco vedi, per la fretta ho sbagliato anch'io: *la maggior parte dei lettori non si rende conto...

      Elimina
    2. Sì, le collaborazioni danno alla testa ad alcune, concordo! Ah per il tempo dedicato ai post, personalmente ogni post mi porta via in media almeno un paio di ore, proprio per fare tutto il lavoro che c'è dietro e di cui parli ma so che sono io che voglio farlo e ci sono blogger che ci mettono anche meno della metà del tempo, dipende ovviamente da che livello si vuole raggiungere o dal tempo che si ha a disposizione. Hai fatto bene a parlare della tua vita, una conferma ulteriore a quello che dico, non passiamo 24 ore a truccarci, metterci lo smalto o a scrivere, facciamo anche altro.

      Elimina
  8. Mi rispecchio in questa tua frase:" E' vero, tra le blogger ci sono anche chi non studia, non lavora, non gestisce una casa... disoccupazione giovanile al 40% raggiunta nel 2013, dati Istat recenti, questo dato non vi dice nulla? Meglio una disoccupata che si crea un interesse e cerca di emergere con un blog piuttosto che una ragazza che avvilita dalla situazione italiana, se ne resta su un divano tutto il giorno demoralizzandosi perchè non riesce a cambiare la propria vita"

    Non sono disoccupata ma inoccupata dal giorno del diploma, ho un blog e una pagina per non pensare allo schifo che ci fanno vivere quelli dall'alto. Ho sempre amato scrivere, truccarmi, vestirmi e perché non mettere la mia passione in qualcosa che mi occupi la mente?!? Certo magari non so scrivere bene, non ho un linguaggio articolato... ma nel blog sono me stessa ed essere un personaggio pubblico mi sta aiutando anche a migliorare il mio carattere. A volte per fare un'articolo ci metto anche giorni perché penso a quello che voglio scrivere, faccio le foto, le ritaglio, miglioro le luci... per molti è una perdita di tempo ma per me è un piacere! Certo, non scriverò tutti i giorni perché mi capita di non avere ispirazione però amo questo mondo.
    Ciao Folletta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Debba e continua così. Coltivare una passione ci rende migliori :)

      Elimina
  9. Bravissima, concordo in tutto e per tutto con questo post! Mi fa alterare soprattutto quando leggo o sento che le blogger sono delle nullafacenti. Dal canto mio studio in una città che non è quella in cui vivo, mi occupo della casa dato che vivo con mia nonna anziana e faccio sport e mi sono sentita dire in faccia diverse volte che spreco un sacco di tempo utile a scrivere sul blog. Il mio blog è un'estensione di me stessa on cui cerco di investire il più possibile del mio tempo libero e so benissimo di essere una tra le tante per cui è così e chi non lo capisce (o semplicemente è invidioso della costanza altrui dato che passa tutto il giorno tutti i giorni stipendiato da mammina e papino!) si faccia i cavolacci suoi (per non essere scurrile). Io ti seguo sempre proprio perchè rispecchi in tutto e per tutto quello che cerco in una beauty blogger: passione e sincerità! Continua così che se fantastica!!! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Samantha, le tue parole mi fanno davvero tanto piacere :)

      Elimina
  10. Ahaha...è bello quando ti senti dire certe cose tipo quelle riportate da te con copia incolla anche perche dall'altro canto c'è ancora molta piu gente che la pensa diversamente, gente che ti chiede consigli, gente che s'ispira dalla tua esperienza...😘
    Sinceramente, la bellezza di questo mondo consiste anche nella sua diversità di pensiero ed opinioni e quindi lasciamo ad ogniuno il suo diritto alla parola e continuiamo a fare con passione ciò che facciamo perche vi assicuro che vale la pena aiutare ....anche se fosse solo una persona 💋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le lettrici affezionate con la loro presenza, i loro commenti, le loro richieste di consigli ripagano di tutto, hai davvero ragione!

      Elimina
  11. Davvero un ottimo post!
    Anche io sono tra quelle che hanno aperto un blog per avere un interesse dato che sono disoccupata e in ricerca di lavoro...
    Ma di sicuro non lo faccio per ottenere gratis dei prodotti, anzi! Io parlo del mio risparmio negli acquisti xD
    Almeno non mi piango addosso ;)
    Brava Sabrina, questo tuo post deve girare il più possibile =)

    RispondiElimina
  12. Applauso per te cara, concordo soprattutto sul fatto di non doversi buttare sul divano a piangere. Io mi sono trovata in questa situazione e mi sono rialzata grazie alla mia grande passione. Passione che mi avevano negato da più piccina, perchè dovevo studiare e fare un altro lavoro secondo i miei. Adoro il makeup, è la mia vita e non solo una passione, e se sono riuscita ad arrivarci cosí chi puó dirmi nulla. E poi santo cielo, dove stanno tutti questi prodotti ahhaah io qua vedo una matita ogni morto de papa, vabbè xD appunto non bisogna generalizzare, e come dici te non siamo tutte uguali!! Massì che andassero sai dove, maligniiii xD

    RispondiElimina
  13. Ciao :) bellissimo post, ti faccio un grande applauso perchè hai scritto le stesse identiche cose che penso anche io.
    Io sono una delle "beauty blogger" selezionate da Lidl e sinceramente mi sarebbe venuta voglia di rispondere a ogni commento cattivo sotto quel post...ma fortunatamente una ragazza "normale" ha risposto al posto nostro e io sotto al suo commento l'ho ringraziata perchè mi aveva tolto le parole di bocca e poi sinceramente non avevo voglia di fare polemica; ma credimi mi sono trattenuta moltissimo conoscendo il mio carattere XD
    La cosa che mi ha fatto arrabbiare è il fatto che queste ragazze pensano che non facciamo nulla tutto il giorno, ok anche io per ora sono disoccupata, ma non è che non faccio niente tutto il santo giorno: ho anche un marito e una casa di cui occuparmi e per il blog ci perdo del tempo, tra reviews e foto.
    ma lo faccio perchè mi piace, lo faccio quando ho tempo e voglia, lo faccio perchè quando ho finito di fare i mestieri e voglio svagare il cervello dai problemi di tutti i giorni scrivendo sul blog è come se la testa si svuotasse....e poi i prodotti li acquisto e uso ugualmente, come ogni santissima donna al mondo (il mio blog è l'esempio) tanto comunque li uso quindi tanto vale far sapere come sono ad altre ragazze che meditano un acquisto no? e se un prodotto come in questo caso, mi verrà inviato e non mi piacerà lo dirò; e se l'azienda se la prenderà a male...bè il problema è il loro, se l'azienda non manderà più nulla perchè non gli è piaciuta una recensione capirò anche io qualcosa: che l'azienda non ha serietà. punto. sicuramente con il blog non diventiamo ricche anzi io ci spendo soldi XD
    Altra cosa che mi ha fatto letteralmente uscire di testa: è che secondo me queste donzelle hanno giudicato senza nemmeno dare un occhiata alle recensioni di quei 10 blog citati... odio le persone che giudicano senza nemmeno conoscere!
    Per quanto riguarda l'italiano, bè di certo io non vincerò nessun Nobel XD

    Infine come ho scritto alla ragazza sul famoso post ringraziandola mi dico e vi dico: facciamoci una risata che la vita è bella :)
    un grande bacio
    Ary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ary per la tua testimonianza... sì ho capito a quale commento ti riferisci, l'ho letto anche io. Hai ragione una delle cose più brutte è essere giudicate a prescindere senza nemmeno che la persona che critica si sia presa il disturbo di informarsi su chi stava sparlando.

      Elimina
  14. Articolo interessante.
    Mi è capitato di leggere quel commento di un "anonimo" sotto al tuo articolo che parlava di smalto ed era evidentemente una critica non costruttiva e fine a se stessa giusto per offendere. Gli stereotipi si sa, esistono ovunque, i giocatori sono tutti ignoranti quando fra loro c'è anche qualche laureato (pochi ma ci sono), gli stranieri sono tutti ladri, giusto per citare qualche categoria e sì, anche per le blogger ci sono diversi bollini.
    Personalmente anche io ho ricevuto qualche critica per questo mio piccolo spazio virtuale, sia on line che...off line, nella "vita vera".
    Ma devo essere onesta, sono stata fortunata ad ora, sono state più le persone che mi hanno appoggiata e supportata in questo percorso piuttosto che il contrario. Certo scrivo da neppure un anno, non da 10 come te, chiaramente la mia è tutta un'altra esperienza.
    Mi è capitato alcune volte di collaborare con alcune aziende e scrivere per loro alcune recensioni ma personalmente non mi sono mai sognata di scrivere ciò che non penso (credo lo si possa intuire dai post che scrivo). Certo c'è modo e modo di dire le cose. Non mi vedrei a scrivere "questo prodotto fa schifo" neppure se lo avessi pagato di mia tasca, quindi non vedo perché dovrei usare un linguaggio tale con prodotti ricevuti.
    Parlo per me, cerco di essere onesta in modo garbato. Questo è essere false per le persone che leggono?Non so...
    Magari è vero, c'è chi parla solo bene, chi non fa mai una recensione dove si indicano pregi e difetti di un prodotto solo per tenersi buona l'azienda ma io credo che i lettori non siano stupidi e penso che sia davvero molto facile riconoscere chi è onesto di chi non lo è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Artemiss per aver aggiunto il tuo preziosissimo punto di vista, concordo pienamente!

      Elimina
  15. concordo con tutto, io ho solo taaanta passione, se le aziende mi considerano bene sennò pace, me li compro o prodotti, ora stò testando il mio primo prodotto ricevuto e ha dei difetti e li dirò come ho sempre fatto nelle cose che ho comprato e recensito, pazienza se non mi considerano più ma io devo essere sincera.

    RispondiElimina
  16. Ottimo post condivido le tue parole. Bisogna saper distinguere tra i vari casi. Per fortuna non siamo tutti uguali!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia un commento, i commenti mi aiutano a migliorare il blog e ad arricchirlo. Generalmente ricambio i commenti, soprattutto se li reputo interessanti.

Si parla di...

Instagram Photos

Chi sono

Sabrina La Targia

Sabrina, blogger dal 2005. Laureata in chimica ma beauty advisor nella vita, creo contenuti sul web per passione.

Contatti

Sei un'azienda o un sito web e vuoi farmi provare i tuoi prodotti? Scrivimi a: memoliy84@gmail.com _______________________________
If you are a company or website that would like me to test/review some of your product, feel free to contact me at: memoliy84@gmail.com
follow me
pulsante facebook google plus twitter bloglovin instagram

Visualizzazioni

Lettori fissi

Newsletter